Affinità divergenti | Italic [Romanzo]

D’altronde l’amore è così: un posto in cui ci siamo persi,
dove non pensavamo mai di andare o in cui qualcuno ci portasse.


pagina facebook | pagina editore Italic


Affinità divergenti, di Roberto Maggiani, Italic, Romanzo
Scarica: copertina fronte (jpg) | copertina completa (jpg)

ISBN: 9788869741098
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 128

Acquistalo in libreria oppure online
Sul sito dell'editore Italic | Ibs.it | Amazon.it | Libreriauniversitaria.it | Libroco.it

Quarta di copertina

Roma-giorni nostri. Il trentenne Tommaso stringe amicizia con la dirimpettaia e coetanea Elisa. Nei loro ripetuti incontri, i due giovani affinano la reciproca conoscenza. Tommaso si confida, le racconta, in particolare, del forte legame con Nathan, ragazzo conosciuto sui banchi di scuola, affetto da diplegia, restio ad affacciarsi a una vita che lo spaventa. La loro amicizia attraversa l’adolescenza e tutta l’età adulta. Tommaso si allontana da Roma per circa un anno, durante il quale conoscerà Aadil, presunto terrorista. Tornato nella sua città, si renderà conto che tra lui e Aadil si è instaurata una relazione profonda di cui farà partecipe Elisa, rivelandole anche il lato segreto della sua vita. Con Affinità divergenti Roberto Maggiani affronta tematiche sociali e politiche “scomode” di stretta attualità.

*

Poi mi guardò e rispose: “Sì.” “Mi dispiace.” “Era proprio bella.” “È vero” risposi. “Sai cos’avrei fatto se avessi avuto entrambe le gambe buone?”

 

*


Una nota di lettura di Alfonso Lentini, essa esprime al meglio le motivazioni del romanzo "Affinità divergenti"

Si può raccontare la diversità facendola scivolare con naturalezza sul terreno del normale semplicemente adottando un adeguato registro narrativo: questo a mio parere dimostra il tuo nuovo libro che ho appena finito di leggere.
A libro chiuso, mi girano ancora intorno le immagini e le voci dei personaggi che hai saputo raccontare con tanta freschezza e spontaneità mettendo in campo una storia da cui filtra un senso di equilibrio, una perfetta capacità di controllo armonico della forma e dei contenuti. Un poliedro trasparente dove tutto, anche le parti che agli occhi di qualche bigotto potrebbero apparire "scabrose", acquista purezza e semplicità. Questo purtroppo fa a pugni con il persistere nel modo reale di tanti pregiudizi. Ma forse le tue intenzioni erano proprio di presentare una sorta di exemplum, un paradigma del possibile (che si fa più evidentemente utopistico nelle "profetiche" pagine conclusive) per mostrare che in fondo basta poco; che le cose, se affrontate con serenità e apertura, possono assumere altre valenze rispetto a quelle convenzionali. Mi hanno colpito in particolare le descrizioni dettagliate e a volte crude che riguardano la sfera sessuale, dove la purezza, la naturalezza con cui ogni gesto è mostrato cancella qualsiasi rischio di volgarità. Basta un po' di semplicità, di pulizia interiore, di civiltà, per chiamare le cose col proprio nome senza che nessuno debba scandalizzarsi. In “Affinità divergenti” tutto, compresa la scansione cristallina e geometrica del racconto, è avvolto in un'atmosfera di innocenza quasi primordiale e la storia scorre in pianura senza inciampi, in un clima di (provocatorio?) ottimismo che non può far altro che bene alla salute (soprattutto mentale) di chi legge!

 

VIDEO